sabato 22 aprile 2017

Piccola nuova intervista ad Ukulollo

Son passati anni dall'ultima intervista che ti ho fatto. È cambiato, e se sì come, il tuo modo di fare musica?

Ciao Claudia, che piacere risentirti! L'intervista che mi facesti anni fa coincideva con l'uscita del mio primo album "Completely Unbroken" sono passati 4 album da allora! Nel mio modo di fare musica molto è cambiato e molto è rimasto uguale. E' rimasto uguale il mio principio di base di mettere l'ukulele e le voci al centro e scegliere solo strumenti acustici per colorare la mia musica, stratificandoli in un genere che principalmente è new wave all'ukulele, con divagazioni sulla world music, la dance, la classica, il funky e tanto altro.
Negli album successivi a completely Unbroken, nel quale ho suonato e mixato personalmente quasi tutto, ho potuto lavorare con tanti straordinari musicisti che mi hanno arricchito in termini compositivi espressivi ed umani. Anche tecnicamente sono cambiato. Oggi suono l'ukulele in modo diverso, utilizzando l'indice della mano destra sul manico in modo che ritmo, arpeggio e melodia si fondono, e molto spesso riesco a far suonare un ukulele come se fossero due! 
Credo che scrivendo così tante canzoni originali (più di 50) anche la struttura e 
l'arrangiamento siano diventati più solidi ed efficaci, anche se questo non dovrei essere io a dirlo! Inoltre sono molto contento dell'evoluzione del mio modo di cantare e della qualità del suono che sono riuscito ad ottenere in studio, grazie al mio eccezionale ingegnere del suono Luca Contini. Sono tantissime le persone che mi hanno aiutato a crescere coi loro insegnamenti o anche solo suonando con me e non riuscirei qui a citarli tutti, ma non posso assolutamente non ringraziare il Maestro Girolamo Deraco che mi ha illuminato sulla composizione e l'arrangiamento, il grande Paul Moore che mi ha insegnato a stare sul palco. Gennaro Scarpato e Matteo Cammisa, due percussionisti che hanno arricchito il mio suono con la loro fantasia e precisione, tutte le voci femminili che mi hanno aiutato ad ampliare lo spettro delle sensazioni evocate dalla mia musica, da Sara Bertolucci a Victoria Vox a Irene Greco, e il grande Luca Silvestri che con il suo lavoro al basso ha inspessito le frequenze delle ultime canzoni con un gusto straordinario!



Dall'ultima volta, vedi cambiamenti nella diffusione e conoscenza dell'ukulele in Italia? Se sì, in meglio o peggio? E perché secondo te?

Sì e in meglio! Sempre più persone lo conoscono, l'instancabile lavoro del Mercatino dell'ukulele di Vicenza, dell'Associazione Oltremusica di Como, e di tanti altri appassionati sta portando finalmente i propri frutti! Sempre più scuole stanno capendo che l'ukulele è uno straordinario veicolo di insegnamento per la musica per i bimbi che saranno i musicisti di domani, e sempre più ragazzi e adulti si stanno immergendo nella colorata avventura musicale che nasce del nostro piccolo l'ukulele 



Cosa manca in Italia, secondo te, per far capire definitivamente alla gente che l'ukulele è uno strumento vero e non un giocattolo?

Forse manca solo un po' di tempo. La radio e la televisione non lo divulgano affatto, ma se ci pensiamo bene questi media non divulgano proprio niente ormai da anni e stanno perdendo di credibilità di giorno in giorno. Internet e la musica dal vivo sono da sempre i principali canali di diffusione dell'ukulele, e entrambi stanno crescendo qualitativamente e quantitativamente. Prova a pensare a come rispondeva la gente quando gli parlavi di ukulele 10 anni fa, forse un 1 % degli italiani lo conosceva. Ora credo che il numero sia almeno decuplicato, il che secondo me è un ottimo risultato.



Ci racconti, "ukulelosamente" parlando, cosa hai fatto negli ultimi anni?

Ho girato tutto il mondo proponendo la mia musica e ho creato il progetto Ukulollo Cinemagic, che fonde musica, video e teatro ed è pensato espressamente per i cinema, dove la gente viene inondata dalla musica dal vivo e dalle immagini sul grande schermo. E' un'idea che mi ha dato grandissime soddisfazioni, dove il pubblico è attento e coinvolto. Dopo aver assistito allo spettacolo non credo che la gente pensi più che l'ukulele sia solo un giocattolo! 
Poi ho realizzato un mio sogno di bambino, impersonando un eroe in stile giapponese nel mio ultimo video "We Don't Need a DJ".



Infine, grazie per la tua disponibilità, quali sono i tuoi progetti futuri con l'ukulele?

Grazie a te! Nel prossimo futuro ci sono bellissimi festival! A Luglio sarò a Vicenza e a Praga, poi un tour di un mese negli USA ad agosto, poi a Berlino e, non so se si può dire, si può dire? mah, io lo dico!: al primo festival dell'ukulele di Canton in Cina, organizzato dalla nostra italianissima Aquila Corde.
Se volete rimanere aggiornati sul mio lavoro, ascoltare la mia musica o vedere i miei video, vi aspetto su www.ukulollo.com

mercoledì 12 aprile 2017

I Fuoridaglischemi - Parte 2

Nell'articolo precedente ci siamo presentati e vi ho parlato di me come un sognatore alla "Cutugno" con L'ukulele in mano.

Eh già, uno strumento così piccolo che lo metti ovunque... lo porti ovunque.

Devo un grazie a mio fratello Leonardo per avermi fatto innamorare dell'ukulele.

Qualche anno fa si è sposato e fra le tappe del suo viaggio di nozze c'era... HONOLULU.

Città in cui l'ukulele (come lo conosciamo oggi) è nato.

Al suo ritorno in Italia, mio fratello, portò un sacco di souvenir ai familiari. Molti ricevettero le classiche calamite da frigo e solo io mi beccai qualcosa di diverso... un ukulele! È li che nasceva, e se vai alle Hawaii non puoi non tornartene con un Ukulele!


Bellissimo. Mi luccicarono gli occhi e non vedevo l'ora di iniziarlo a suonare. Era di plastica, più da soprammobile. Sulla piccolissima cassa armonica raffigurava le Hawaii.

Un perfetto regalo con il quale strimpellare qualcosa.

Con l'arrivo del Natale me ne feci regalare, poi, uno dalla mia ragazza. Uno vero. Uno con cui suonare nei Fuoridaglischemi.

I suoni acuti dell'ukulele hanno acceso i miei giorni più gravi e ho deciso che se non avevo mai suonato uno strumento prima, beh, questo sarebbe stato il primo.

Ho cominciato a prendere lezioni private e con molta pazienza ho tirato fuori le prime canzoni che a breve registrerò in studio con i Fuoridaglischemi.

Questo strumento in Italia, è sempre rimasto sconosciuto o quasi. Quando lo si vede in TV, la maggior parte delle volte si pensa che sia solo una semplice chitarrina.

È molto di più: è un suono di pace e spensieratezza, un urlo calmo, un piccolo grande compagno.

Appartiene alla categoria di quegli strumenti rari, alternativi. Non lo suona mai nessuno come dovrebbe, perché si predilige la chitarra o il piano che sono definiti gli strumenti da accompagnamento musicale per antonomasia.

Io amo le cose diverse, gli do voce: è per questo che ho colto questo regalo come ispirazione per nuovi suoni, nuove canzoni.


Articolo scritto da:
Gabriele Tucci
classifiche